Il funnel di marketing è ascolto

“Se avessi ascoltato i miei clienti, avrei dato loro un cavallo più veloce.” Parto da questa massima di Henry Ford per ragionare sugli spunti emersi al B2B Day 2019 (da cui è tratta anche l’immagine) e che, in qualità di partecipante, è stato di grande interesse.   Il tema portante era il funnel di marketing. …

Continue reading

Strategie per ridurre i costi di marketing

Siete arrivati da poco nel nuovo ufficio marketing e il vostro responsabile vi chiede di pensare a come ridurre i costi di marketing di un determinato prodotto. Ovviamente, il pensiero va subito alla comunicazione (“eh eh, vediamo quali campagne possiamo spegnere“, oppure “cambiamo agenzia e prendiamo una che costa meno!“). Peccato che, in questo esercizio, …

Continue reading

Il marketing che esclude

Ti è mai capitato di leggere che un hotel, o un particolare soggiorno, fosse “no kids”? Oppure di non sentirti il cliente “giusto”? Oggi voglio riflettere su quelle situazioni in cui le aziende scelgono di escludere una parte dei propri clienti. Prendiamo tre casi, differenti tra loro, sia per via del settore che per la …

Continue reading

PMI e marketing: un rapporto ancora fragile?

Matteo Santi si è da poco laureato in Economia e Management presso l’Università di Urbino, con una tesi dal titolo “Industry 4.0: una prospettiva di marketing” (relatore Prof. Tonino Pencarelli). Ho avuto il piacere di essere intervistato per il suo elaborato. La tesi di Matteo analizza le prospettive di marketing offerte dall’Industry 4.0 e dalle …

Continue reading

Il settore del food delivery: tendenze e dinamiche di marketing

In uno scorso post riflettevo sulla “pigrizia del consumatore” e su come l’attitudine generale ad adagiarsi alle comodità e alle semplificazioni sia un buon propellente per le innovazioni di prodotto. Oggi parliamo proprio di uno di quei settori che si basa sul concetto di comodità: il food delivery, il mercato del cibo ordinato a domicilio, …

Continue reading

La pigrizia è il motore dell’innovazione?

C’è un libro che tutti dovremmo leggere: è Sapiens di Yuval Harari. Il saggio ci guida nella storia dell’evoluzione umana, in modo semplice e affascinante. È uno di quei libri che ritornano in mente anche riflettendo su tutt’altro. Soprattutto, perché è comprendendo come siamo evoluti che riusciamo a dare un senso ad alcuni comportamenti odierni. …

Continue reading

La relazione virtuosa tra scarsità e marketing

Qualche giorno fa ho svolto in Università un laboratorio dal tema “zero-budget marketing”. Ho invitato gli studenti a sfidarsi in un game di creatività: l’obiettivo era trovare il modo più abile di comunicare un progetto di business, avendo a disposizione risorse limitatissime. L’illusione delle risorse infinite L’idea mi è venuta perché la parola “marketing”, soprattutto …

Continue reading

Se il marketing è una fonte di revenue

In un recente articolo su Forbes, che lancia il nuovo libro in uscita di Joe Pulizzi “Killing Marketing”, si parla di una questione molto interessante: il marketing può diventare una fonte di revenue aziendale? Nel marketing si calcola – o si dovrebbe calcolare – il Romi (Return On Marketing Investment) ossia l’indicatore dell’impatto sulle vendite delle attività …

Continue reading

Food, i trend principali e le nuove traiettorie di consumo

Il settore del food è in progressivo e rapido cambiamento. Le abitudini alimentari e gli stili di vita stanno cambiando: una serie di tendenze, di cui alcune ormai più che consolidate, si diffondono in modo trasversale sulla popolazione. Come dicevo qui, a causa della recessione il volume di spesa degli italiani (ma non solo) è …

Continue reading

Impariamo dal fruttivendolo: fare buon marketing è davvero complesso?

Nell’ultima settimana segno due eventi rilevanti, apparentemente distanti tra loro. Il Web Marketing Festival, con i suoi case-study, le strategie, le opinioni di persone che lavorano nel settore. Tanti contenuti di marketing, soprattutto su come fare “acquisition” del cliente, e poi “nurturing” del cliente, per arrivare alla “conversion” e alla bramata “fidelity”. L’altro, è che ho fatto …

Continue reading