Cosa vendiamo davvero quando vendiamo un prodotto?

Da sempre, manager e uomini di marketing cercano di aumentare il valore dei propri prodotti, connotandoli con nuove caratteristiche o immergendoli in “mondi valoriali” allo scopo di renderli più significativi, e sfuggire all’incubo della commoditization. Si parla addirittura di existential marketing ([1], [2]), cioè di brand e prodotti che impattano nel profondo della vita delle …

Continue reading

Vino, tra digital e commerce: alcune considerazioni

A breve distanza dal Vinitaly faccio qualche considerazione sul settore del vino in Italia, che oltre a coinvolgermi in qualità di consulente, è un comparto strategico con grande potenziale di crescita in ottica digitale (era uno dei temi caldi del Vinitaly), seppure sia ancora abbastanza indietro da questo punto di vista. Su un volume di vendite complessive per oltre 9 miliardi di €, infatti, la quota di mercato online …

Continue reading

Branded video content: cosa cambia nello scenario mobile

fI comportamenti digitali sono in continua evoluzione e lo shift al mobile sta portando a nuovi paradigmi nei comportamenti di consumo. I micro-moments sono uno di questi: è cambiato il modo in cui cerchiamo informazioni, acquistiamo e consumiamo beni, servizi ed esperienze. Quanto però il mobile-universe sia effettivamente dirompente fa fatica a capirlo anche Google. O meglio, è una materia su …

Continue reading

Social marketing e brand identity

Di social media marketing si parla molto, probabilmente è la tipologia di contenuto più “inflazionato” in rete. Più che aggiungere contenuto su cose già dette, voglio fare una breve riflessione sul rapporto tra canali sociali e identità di marca. Un elemento importante nelle strategie di marketing, che spesso gestioni “alla buona” dei canali social rischiano di mettere a repentaglio. La brand identity …

Continue reading

Marketing di prodotto, analisi di un caso: Quattro Stagioni

Analizzare case-study è un’attività sempre divertente per chi si occupa di marketing, in quanto permette di indagare un pò più a fondo nelle strategie delle aziende e cogliere spunti interessanti anche per il proprio lavoro: oggi parliamo di Bormioli Rocco. Quanti di voi hanno presente il vasetto per la conserva dei sughi e delle marmellate, che magari …

Continue reading

Il video storytelling nel marketing digitale

Raccontare storie sulla vita e sulla quotidianità è un rituale che accompagna il genere umano dalla notte dei tempi. Da quando le conoscenze e le storie si tramandavano solo oralmente, ad oggi, dove la narrazione di esperienze personali è al centro di ogni conversazione tra persone. La maggior parte dei dialoghi tra le persone sono dei …

Continue reading

Vendere su Etsy: hobby o business?

Avevo tempo fa parlato di “Prosumer” e craft marketing in questo articolo, definendo il filone che vede il consumatore diventare produttore artigianale di beni, inventando soluzioni grazie alla creatività e all’accresciuto know-how (in piena “economia della conoscenza”) e trovando la possibilità di arrivare a nicchie di appassionati in tutto il mondo, disintermediando grazie all’e-commerce. Chiaramente, chi autoproduce …

Continue reading

Come raggiungere l’obiettivo di Crowdfunding: il caso Soil is Alive

Quando mi trovo a parlare di crowdfunding nei corsi che faccio, uno degli aspetti a cui dedico molto spazio è la pianificazione della campagna, e in particolare, delle strategie da adottare una volta che il progetto è attivo sul web. Una delle domande più ricorrenti che fanno le persone è: ma come faccio ad essere sicuro di raggiungere …

Continue reading

Il web marketing per l’artigiano: un caso di successo

Non sono solito concedere interviste “tanto per”, e chi mi conosce sa bene che non faccio “marke-tting”. Quello che mi piace fare, invece, è raccontare storie interessanti e oggi ne ho trovata una. Diego Mulfari è figlio di Felice Mulfari, imbianchino della Brianza colpito come tanti altri dalla crisi del settore edilizio, in un mestiere …

Continue reading

I “poco” social media saranno il futuro?

Da quando sono su Facebook, praticamente dal 2008, mi sono sempre chiesto per quale motivo le persone tendono a condividere soltanto gli aspetti positivi della propria vita, lasciando da parte gli stati d’animo di carattere opposto, o perlomeno non fossero portati a mostrare i lati più vulnerabili della propria vita. Una delle domande più ricorrenti …

Continue reading