Press enter to see results or esc to cancel.

[Food] Comprare i “prodotti buoni”. Si, ma dove?

Breve excursus sul tema alimentazione. Dati dimostrano, ma non c’è bisogno di quelli, che siamo tutti molto più attenti a quello che mangiamo. C’è chi la chiama deriva salutista, chi inquadra il fenomeno in una sorta di “risveglio olistico”, chi semplicemente è convinto che in un mondo digitale (accesso e trasparenza), le persone non si fidano più delle finzioni della comunicazione. Devono verificare …

Continue reading

YouTube, tra piattaforme e competizione di ecosistemi

Spesso mi trovo a parlare di YouTube nelle aziende che vogliono capire come potenziare le proprie attività di content marketing, ma anche nei corsi che tengo, quando si parla di social media. La senzazione, però, è che sia quasi una ciliegina sulla torta, a margine delle altre piattaforme. “E YouTube?” è la domanda che arriva alla fine, non considerando …

Continue reading

Rilevanza, abitudini e predisposizione all’acquisto

In un recente post avevo parlato di come può aumentare il valore associabile a un prodotto, assumendo l’ottica del “risultato atteso” e dell’impatto che un prodotto può avere sulla vita delle persone. Le aziende che sono brave a riconcettualizzare il business possono differenziarsi pesantemente e creare un vantaggio competitivo, che nel lungo termine garantisce reputation e marginalità. …

Continue reading

L’handmade in Italia non si vende?

La settimana scorsa ho fatto un giro a Weekendoit, una fiera dedicata all’handmade e ai “nuovi artigiani”, dove oltre a mercatini e spazi espositivi c’erano interessanti workshop dedicati all’e-commerce e alla vendita online. Di nuovo artigianato e business avevo già parlato qui, intervistando Alice, tipa in gamba che ha fatto diventare la sua passione per gli accessori fatti …

Continue reading

Cosa vendiamo davvero quando vendiamo un prodotto?

Dagli albori del marketing, manager e uomini di comunicazione cercano di aumentare il valore dei propri prodotti, connotandoli con nuove caratteristiche, immergendoli in “mondi valoriali” allo scopo di renderli significativi, sfuggendo dall’incubo della  “commoditization” (il prodotto A è uguale a B, prendo quello che costa meno). C’è addirittura chi parla di existential marketing (Kotler [1], Iabichino [2]), cioè …

Continue reading

Il marketing universitario, ossia “vendere” una trasformazione

Non è mai troppo tardi per rispolverare la tesi di laurea, specie se le analisi fatte allora servono a realizzare cose interessanti oggi. Il marketing universitario, tema di ricerca quasi pionieristico nel 2010, sembra muovere ora i suoi passi, sopratutto tra le università private e le business school più virtuose. Ma partiamo dall’inizio. Il presupposto del marketing …

Continue reading

Tra l’idea e l’impresa? C’è di mezzo il tempo (dell’utente)

“Una volta volevano tutti essere delle rockstar, oggi tutti vogliono fare una startup.” Non ricordo la cit. (sorry) ma mi sembra dannatamente vera. I sogni di startup sono quelli vedo tutti i giorni tra spazi di coworking, aule universitarie e master, corsi che faccio. Una mole di idee e progetti d’impresa che vive della volontà di giovani (anche se in realtà …

Continue reading

Vino, tra digital e commerce: alcune considerazioni

A breve distanza dal Vinitaly faccio qualche considerazione sul settore del vino in Italia, che oltre a coinvolgermi in qualità di consulente, è un comparto strategico con grande potenziale di crescita in ottica digitale (era uno dei temi caldi del Vinitaly), seppure sia ancora abbastanza indietro da questo punto di vista. Su un volume di vendite complessive per oltre 9 miliardi di €, infatti, la quota di mercato online …

Continue reading

Branded video content: cosa cambia nello scenario mobile

fI comportamenti digitali sono in continua evoluzione e lo shift al mobile sta portando a nuovi paradigmi nei comportamenti di consumo. I micro-moments sono uno di questi: è cambiato il modo in cui cerchiamo informazioni, acquistiamo e consumiamo beni, servizi ed esperienze. Quanto però il mobile-universe sia effettivamente dirompente fa fatica a capirlo anche Google. O meglio, è una materia su …

Continue reading

Activity-Based Working: quali opportunità per le aziende

Partiamo da un presupposto semplice: tutte le aziende hanno la necessità di aumentare la produttività e abbassare i costi. Le leve da muovere sono chiaramente diverse: dall’organizzazione del lavoro, alla gestione dei fornitori e della produzione, e così via. Senza dubbio, un punto centrale in tema di produttività sono le condizioni in cui lavorano dipendenti …

Continue reading