Press enter to see results or esc to cancel.

5 + 1 modi alternativi di usare Twitter

Quando il mio amico Nicola mi fece vedere di cosa è stato capace il Dott. Filippone con Twitter (l’intervista al dottore è in questo post) a me si è aperto un mondo. Di considerazioni.

Se tendenzialmente l’uso di Twitter da parte delle aziende rientra nelle strategie di Social Media Marketing (promozione, engagement, ricerca contatti) per Vittorio Filippone, un normale medico di famiglia, è diventato uno strumento di lavoro. I tweet scandiscono i numeri delle visite, che vengono proiettati su uno schermo in sala d’attesa. In questo modo, i pazienti possono verificare a che punto è il loro turno (come il display al banco di un supermercato). Ma soprattutto, possono farlo quando NON sono nello studio: cioè andare via per poi tornare in prossimità del proprio numero, verificando l’account del dottore su Twitter. Mica un servizio da poco!

Modi alternativi di usare Twitter

Utilizzare Twitter per fare customer care in tempo reale, non è una novità. Molte aziende usano i social per rispondere più velocemente alle richieste dei clienti, o per far fronte ai loro  reclami, ma è un tipo di pratica che rimane nell’alveo di attività “a supporto” del business. Qui stiamo parlando di qualcosa di diverso, che chiamerei Twitter as a service.

Nei casi che ora vedremo Twitter, grazie alla sua immediatezza e semplicità, viene “incorporato” all’interno del processo di vendita/erogazione del servizio. In altre parole da strumento diventa parte del prodotto, o dell’offerta stessa dell’azienda.

1. Huggies Tweet Pee

Huggies Tweet Pee è un sensore che controlla il livello di umidità del pannolino del bebé, e invia un tweet al genitore ogni volta che il bambino fa pipì. Questo tool non serve solo a monitorare le attività del bebé, ma anche a programmare l’acquisto di pannolini per il futuro. Per ora è solo un concept, ma molto interessante proprio per il modo in cui è sfruttato Twitter.

2. Tweet a beer

Questa app permette di offrire birre a distanza ai nostri contatti di Twitter, pagando tramite Paypal. Il nostro amico legge il tweet, la motivazione “perchè ti ho pagato una birra”, luogo e ora di incontro. E’ un modo per socializzare face-to-face, ma anche per fare un’opera di bene: i 5$ possono essere donati in beneficenza.

3. Tweeting catdoor 

Sullo stesso modello del pannolino, Tweeting catdoor è un concept artigianale ma interessante: grazie a un dispositivo RFID, la cuccia avvisa quando il gatto è in casa, inviando l’informazione al padrone via Twitter. Chissà che prima o poi non venga commercializzato da qualche azienda del settore…

4. Tweet taxi Amsterdam

Semplice e geniale: invece di ricorrere alla classica telefonata, i passeggeri possono chiamare il taxi con un tweet. Servizio più veloce ed economico per i clienti, un modo di differenziarsi per il tassista. Che ha un’unica controindicazione: twittare durante la guida!

5. Baker Tweet

Baker Tweet è un dispositivo che avverte quando il pane è sfornato. Twitter è il tramite per avvisare i clienti, un pò come fosse un servizio via sms, ma decisamente più rapido e moderno. Per agevolare il lavoro del fornaio, il tweet parte grazie ad un dispositivo a parete dotato di manopola: vecchie e nuove tecnologie si incrociano!

Gli usi meno “convenzionali” di Twitter si adattano anche al turismo. T-Hotel Cagliari è un hotel che permette di cambiare il colore dell illuminazione di una stanza tramite un tweet. Anche qui siamo in campo sperimentale, ma gli incroci tra domotica e Twitter sono abbastanza affascinanti: pensate di poter spegnere o accendere luci e riscaldamento di casa a distanza con un tweet….

Come vedete, gli usi alternativi di Twitter arrivano da quei settori e attività che generalmente sono più tradizionali, meno 2.0, per intenderci. Che però si rivelano all’avanguardia per la genialità delle soluzioni e per i modi efficaci con cui riescono a risolvere un problema, o a differenziarsi dalla concorrenza.

Allargando un pò il campo, questi esempi ci mostrano come gli strumenti che abbiamo in mano andrebbero sempre considerati come tali, appunto, e non dovremmo mai limitarci a farne un uso conformistico, perché “si fa così”, perché i manuali dicono questo, o gli esperti spiegano quello. Ogni strumento andrebbe sempre adattato alle reali necessità del nostro lavoro, anche in modo creativo. Come diceva qualcuno, pensando “laterale” 😉

Comments

6 Comments

Gretarauleac@twitter.example.com'
Greta Rauleac (@Gretarauleac)

Il dottore è il migliore ma io voglio anche usare il baker tweet!!

Emporos – Il Blog di Greta Rauleac

KatiaTreW@twitter.example.com'
Katia D'Orta (@KatiaTreW)

L’utilizzo sul pannolino lo trovo francamente deprimente ma condivido quello che dice Greta sul Baker tweet: voglio usarlo anch’io!

Simone Moriconi

Il pannolino è stato criticato per il fatto che possa nuocere al bambino, essendo un sensore elettronico…

Twitter "as a service": modi alternat...

[…] Quando il mio amico Nicola mi fece vedere di cosa è stato capace il Dott. Filippone con Twitter (l'intervista al dottore è in questo post) a me si è aperto un mondo. Di considerazioni. Se tendenzia…  […]

5 link da Snack Marketing | LoL marketing

[…] twitter-as-a-service […]

Il caso #Juglife: dall’hashtag al brand | Snacks of Marketing

[…] alternativi di usare Twitter. Come avevamo già avuto modo di dire, Twitter si dimostra in certi casi uno strumento strategico che va oltre il mero essere un […]


Leave a Comment

19 − 8 =

Simone Moriconi

Consulente di Marketing Strategico e Operativo per aziende, PMI e startup.