Rilevanza, abitudini e predisposizione all’acquisto

In un recente post avevo parlato di come può aumentare il valore associabile a un prodotto, assumendo l’ottica del “risultato atteso” e dell’impatto che un prodotto può avere sulla vita delle persone. Le aziende che sono brave a riconcettualizzare il business possono differenziarsi pesantemente e creare un vantaggio competitivo, che nel lungo termine garantisce reputation e marginalità. …

Continue reading

Cosa vendiamo davvero quando vendiamo un prodotto?

Dagli albori del marketing, manager e uomini di comunicazione cercano di aumentare il valore dei propri prodotti, connotandoli con nuove caratteristiche, immergendoli in “mondi valoriali” allo scopo di renderli significativi, sfuggendo dall’incubo della  “commoditization” (il prodotto A è uguale a B, prendo quello che costa meno). C’è addirittura chi parla di existential marketing (Kotler [1], Iabichino [2]), cioè …

Continue reading

Il marketing universitario, ossia “vendere” una trasformazione

Non è mai troppo tardi per rispolverare la tesi di laurea, specie se le analisi fatte allora servono a realizzare cose interessanti oggi. Il marketing universitario, tema di ricerca quasi pionieristico nel 2010, sembra muovere ora i suoi passi, sopratutto tra le università private e le business school più virtuose. Ma partiamo dall’inizio. Il presupposto del marketing …

Continue reading

Tra l’idea e l’impresa? C’è di mezzo il tempo (dell’utente)

“Una volta volevano tutti essere delle rockstar, oggi tutti vogliono fare una startup.” Non ricordo la cit. (sorry) ma mi sembra dannatamente vera. I sogni di startup sono quelli vedo tutti i giorni tra spazi di coworking, aule universitarie e master, corsi che faccio. Una mole di idee e progetti d’impresa che vive della volontà di giovani (anche se in realtà …

Continue reading

Popolamento di piattaforme online: fare “massa critica” di utenti

Uno dei problemi principali di chi lavora su progetti di startup in ambito digital, soprattutto in casi in cui si sviluppano piattaforme (e-commerce, ma non solo), è la fase di popolamento iniziale della base utenti. Uno scalino difficile da raggiungere, ma che rappresenta un “milestone” fondamentale per qualsiasi idea voglia raggiungere il mercato (ne parlo anche …

Continue reading

Micro-moments: mobile e nuovi comportamenti di consumo

Uno degli ultimi temi di analisi di Google (forse ne avrete sentito parlare) è quello sui micro-moments. Sostanzialmente, Google dice che i “comportamenti di acquisto e consumo” (o quelli che una volta si chiamavano così) sono guidati dall’utilizzo massivo e sempre più frequente del mobile, che però segue logiche tutte sue, dovute proprio alle peculiarità del …

Continue reading

Marketing di prodotto, analisi di un caso: Quattro Stagioni

Analizzare case-study è un’attività sempre divertente per chi si occupa di marketing, in quanto permette di indagare un pò più a fondo nelle strategie delle aziende e cogliere spunti interessanti anche per il proprio lavoro: oggi parliamo di Bormioli Rocco. Quanti di voi hanno presente il vasetto per la conserva dei sughi e delle marmellate, che magari …

Continue reading

E-commerce, uno sguardo a oriente

Una volta c’erano le corporation come Coca-Cola, Pepsi, Vodafone che cercavano di aprirsi nuovi mercati nelle zone più povere del mondo, trovando strategie per raggiungere in modo capillare le aree più povere e arretrate del pianeta. Io stesso, in un viaggio in India lo scorso anno, ho visto con i miei occhi come queste multinazionali sono riuscite ad “attivare” con …

Continue reading

Fare strategia nell’autoimprenditorialità

Nell’ambito del progetto Geronimo, un percorso formativo portato avanti da Warehouse Coworking Factory e rivolto agli “imprenditori di nuova generazione” (produttori/nuovi artigiani, wanna-be startupper, liberi professionisti…), mi sono trovato a parlare di strategia. Un termine che, in qualità di consulente, sento pronunciare mediamente 3 o 4 volte al giorno. Come un mantra, questa parola magica …

Continue reading

La sharing economy non è sharing

Quando si parla di sharing economy ci si riferisce alla cosiddetta “economia della condivisione”, basata sullo scambio e sulla collaborazione degli utenti che invece di acquistare un servizio o possedere un bene, ne “accedono” in formule varie, che vanno dal renting, all’utilizzo temporaneo e non esclusivo, in ottica peer-to-peer. I principali esempi di sharing economy (perlomeno nell’accezione con …

Continue reading