Il rapporto tra brand e sostenibilità

La settimana scorsa ho avuto la bella opportunità di moderare il panel sul brand sostenibile al Brand Festival di Jesi, in cui certificatori, produttori e distributori erano allo stesso tavolo per confrontarsi su uno dei temi più attuali ed urgenti del nostro tempo. Ecco alcune considerazioni emerse dall’incontro, a mio parere utili per aziende grandi …

Continue reading

Partire dal Perché, secondo Sinek

Per chi non conoscesse Simon Sinek, consiglio di guardare questo Ted in cui si parla del “golden circle”. I cerchi concentrici sono una rappresentazione molto semplice, e parecchio efficace, dei tre livelli della comunicazione. Il concetto è questo: lo strato più esterno, composto dal What, è il “cosa” fai (prodotti, servizi, caratteristiche tecniche, benefit ecc.). Il cerchio …

Continue reading

A proposito di re-branding

Quest’anno ho avuto la bella opportunità di moderare la presentazione del libro sul Re-Branding di TIM, scritto da Stella Romagnoli e Alberto Mattiacci, all’interno del Brand Festival di Jesi. Il libro è un excursus sul percorso che ha portato Telecom Italia ad adottare un nuovo brand unico e sulle ragioni di un’operazione di tale portata, inquadrate in …

Continue reading

Se dici brand, dici esperienza complessiva

La frammentazione dei contenuti che ogni giorno le aziende devono creare e gestire per mantenere una relazione con il proprio pubblico, come scrivevo qua, è un’arma a doppio taglio per l’integrità dei brand. La multicanalità è complessa da gestire anche per le aziende più grandi: le promesse di marca spesso rimangono favolette da spot, tradite dal prodotto stesso o da customer care …

Continue reading

Cosa vendiamo davvero quando vendiamo un prodotto?

Dagli albori del marketing, manager e uomini di comunicazione cercano di aumentare il valore dei propri prodotti, connotandoli con nuove caratteristiche, immergendoli in “mondi valoriali” allo scopo di renderli significativi, sfuggendo dall’incubo della  “commoditization” (il prodotto A è uguale a B, prendo quello che costa meno). C’è addirittura chi parla di existential marketing (Kotler [1], Iabichino [2]), cioè …

Continue reading