Pianificare un viaggio tra Instagram e Lonely Planet

Quest’estate la scelta di viaggio è ricaduta sulla Corsica, una meta non troppo ardua, ma nemmeno del tutto scontata. Come al solito, viaggiare è molto stimolante per osservare luoghi e tradizioni, ma anche comportamenti e attitudini dei turisti. Ecco alcune riflessioni sui trend vacanzieri. Innanzitutto, mai come oggi il viaggio è connesso. Il tempo della …

Continue reading

Il rapporto tra brand e sostenibilità

La settimana scorsa ho avuto la bella opportunità di moderare il panel sul brand sostenibile al Brand Festival di Jesi, in cui certificatori, produttori e distributori erano allo stesso tavolo per confrontarsi su uno dei temi più attuali ed urgenti del nostro tempo. Ecco alcune considerazioni emerse dall’incontro, a mio parere utili per aziende grandi …

Continue reading

Partire dal Perché, secondo Sinek

Per chi non conoscesse Simon Sinek, consiglio di guardare questo Ted in cui si parla del “golden circle”. I cerchi concentrici sono una rappresentazione molto semplice, e parecchio efficace, dei tre livelli della comunicazione. Il concetto è questo: lo strato più esterno, composto dal What, è il “cosa” fai (prodotti, servizi, caratteristiche tecniche, benefit ecc.). Il cerchio …

Continue reading

Facebook, la reach e gli inserzionisti

Da qualche settimana, sembra che una larga parte dei social media *something si sia accorta che EdgeRank, l’algoritmo che determina la visibilità dei contenuti su Facebook, ha reso completamente invisibili i contenuti delle pagine. La reach dei post organici (ossia non sponsorizzati) è in effetti ridotta a una percentuale molto vicina allo zero, indipendente dal …

Continue reading

A proposito di re-branding

Quest’anno ho avuto la bella opportunità di moderare la presentazione del libro sul Re-Branding di TIM, scritto da Stella Romagnoli e Alberto Mattiacci, all’interno del Brand Festival di Jesi. Il libro è un excursus sul percorso che ha portato Telecom Italia ad adottare un nuovo brand unico e sulle ragioni di un’operazione di tale portata, inquadrate in …

Continue reading

Se dici brand, dici esperienza complessiva

La frammentazione dei contenuti che ogni giorno le aziende devono creare e gestire per mantenere una relazione con il proprio pubblico, come scrivevo qua, è un’arma a doppio taglio per l’integrità dei brand. La multicanalità è complessa da gestire anche per le aziende più grandi: le promesse di marca spesso rimangono favolette da spot, tradite dal prodotto stesso o da customer care …

Continue reading

Tradizione e Innovazione

Disclaimer: questo post nasce con l’intenzione di indicizzarsi su Google ed essere letto da chi, addetto al marketing o a fare marketing per la propria azienda, digiti le parole magiche: Tradizione e Innovazione. Scherzi a parte, l’articolo avrebbe serie difficoltà ad indicizzarsi, proprio per il motivo di cui scrivo. Sono così numerose le aziende che utilizzano …

Continue reading

YouTube, tra piattaforme e competizione di ecosistemi

Spesso mi trovo a parlare di YouTube nelle aziende che vogliono capire come potenziare le proprie attività di content marketing, ma anche nei corsi che tengo, quando si parla di social media. La senzazione, però, è che sia quasi una ciliegina sulla torta, a margine delle altre piattaforme. “E YouTube?” è la domanda che arriva alla fine, non considerando …

Continue reading

L’handmade in Italia non si vende?

La settimana scorsa ho fatto un giro a Weekendoit, una fiera dedicata all’handmade e ai “nuovi artigiani”, dove oltre a mercatini e spazi espositivi c’erano interessanti workshop dedicati all’e-commerce e alla vendita online. Di nuovo artigianato e business avevo già parlato qui, intervistando Alice, tipa in gamba che ha fatto diventare la sua passione per gli accessori fatti …

Continue reading

Cosa vendiamo davvero quando vendiamo un prodotto?

Dagli albori del marketing, manager e uomini di comunicazione cercano di aumentare il valore dei propri prodotti, connotandoli con nuove caratteristiche, immergendoli in “mondi valoriali” allo scopo di renderli significativi, sfuggendo dall’incubo della  “commoditization” (il prodotto A è uguale a B, prendo quello che costa meno). C’è addirittura chi parla di existential marketing (Kotler [1], Iabichino [2]), cioè …

Continue reading