Rilevanza, abitudini e predisposizione all’acquisto

In un recente post avevo parlato di come può aumentare il valore associabile a un prodotto, assumendo l’ottica del “risultato atteso” e dell’impatto che un prodotto può avere sulla vita delle persone. Le aziende che sono brave a riconcettualizzare il business possono differenziarsi pesantemente e creare un vantaggio competitivo, che nel lungo termine garantisce reputation e marginalità. …

Continue reading

L’handmade in Italia non si vende?

La settimana scorsa ho fatto un giro a Weekendoit, una fiera dedicata all’handmade e ai “nuovi artigiani”, dove oltre a mercatini e spazi espositivi c’erano interessanti workshop dedicati all’e-commerce e alla vendita online. Di nuovo artigianato e business avevo già parlato qui, intervistando Alice, tipa in gamba che ha fatto diventare la sua passione per gli accessori fatti …

Continue reading

Cosa vendiamo davvero quando vendiamo un prodotto?

Dagli albori del marketing, manager e uomini di comunicazione cercano di aumentare il valore dei propri prodotti, connotandoli con nuove caratteristiche, immergendoli in “mondi valoriali” allo scopo di renderli significativi, sfuggendo dall’incubo della  “commoditization” (il prodotto A è uguale a B, prendo quello che costa meno). C’è addirittura chi parla di existential marketing (Kotler [1], Iabichino [2]), cioè …

Continue reading

Il marketing universitario, ossia “vendere” una trasformazione

Non è mai troppo tardi per rispolverare la tesi di laurea, specie se le analisi fatte allora servono a realizzare cose interessanti oggi. Il marketing universitario, tema di ricerca quasi pionieristico nel 2010, sembra muovere ora i suoi passi, sopratutto tra le università private e le business school più virtuose. Ma partiamo dall’inizio. Il presupposto del marketing …

Continue reading

Tra l’idea e l’impresa? C’è di mezzo il tempo (dell’utente)

“Una volta volevano tutti essere delle rockstar, oggi tutti vogliono fare una startup.” Non ricordo la cit. (sorry) ma mi sembra dannatamente vera. I sogni di startup sono quelli vedo tutti i giorni tra spazi di coworking, aule universitarie e master, corsi che faccio. Una mole di idee e progetti d’impresa che vive della volontà di giovani (anche se in realtà …

Continue reading