Dai piani strategici alle Costituzioni: ecco cosa si può fare in crowdsourcing

Una delle più grandi possibilità di internet, è quella di mettere insieme competenze sparse per il mondo per sviluppare progetti utili alla collettività. Il crowdsourcing (letteralmente “tirare fuori dalla gente“) è possibile grazie agli strumenti del web 2.0 (non a caso detto web partecipativo), come social network, siti e piattaforme interattive. I partecipanti, in genere, …

Continue reading

Le nuove sfide del marketing territoriale: intervista a Fulvio Fortezza

A parlarci delle sfide e dei cambiamenti che stanno interessando il modo di fruire, di raccontare e di promuovere i territori è Fulvio Fortezza, docente di Marketing presso l’Università di Ferrara e l’Università di Urbino, e fondatore dello studio di ricerca e consulenza di marketing Experyentya (e mio carissimo ex-professore). Gustatevela! Ciao Fulvio, parliamo un pò di marketing applicato al territorio. Quali …

Continue reading

Il marketing delle trasformazioni: quando il prodotto siamo noi

Vi ricordate del programma Plastik? La prima volta che lo vidi ho cambiato canale, pensando che fosse un altro programma trash (tipo “Mistero”) specchietto per le allodole per morbosi e creduloni. Poi, una sera l’ho seguito, e devo dire che è ricco di spunti interessanti. Chi mastica un pò di marketing, sicuramente conosce la progressione del valore economico di Pine …

Continue reading

L’ultima frontiera del recruiting: i talent game

Non ho ancora capito se si tratta di un bene o un male, ma è un pò che rifletto su questa nuova modalità di recruting per neo-laureati. Dico un male, perchè (purtroppo) le aziende spesso utilizzano le stesse tattiche di consumer marketing e advertising nei confronti della domanda di lavoro. E tutti sanno che, spesso, dietro ai valori aziendali, all’etica e …

Continue reading

Pessimisti perchè informati? Viva l’informazione positiva!

In un’intervista di Wired a Ray Kurtzveil (uno tosto) si dice che nella nostra società tendiamo ad essere pessimisiti perchè troppo informati. In pratica, una maggiore conoscenza dei problemi del mondo, ci porterebbe ad avere una peggiore visione del mondo, ad essere catastrofisti, a pensare che le cose vadano sempre e solo in peggio. Attenzione …

Continue reading